fbpx

Novità per il tour “Shakespeare e la Londra elisabettiana”

Gli scavi iniziati a Whitechapel alla fine di settembre hanno portato alla luce the BOAR’S HEAD PLAYHOUSE, uno dei piu’ antichi teatri ancora esistenti a Londra, in cui lavoro’ anche Shakespeare. Da Inn (cosi’ si chiamavano i pub che si trovavano lungo il fiume, dove, al piano terra, c’era il locale in cui si mangiava e si beveva, al piano superiore degli stanzoni con letti, per coloro che arrivavano con imbarcazioni, a caricare o scaricare merci, e si fermavano a dormire per qualche ora, prima di riprendere il fiume), fu convertito in “playhouse”, pub che avevano un piazzale interno, utilizzato per spettacoli teatrali. Prima di allora, le locations adibite esclusivamente all’intrattenimento erano una sorta di antiche “arene” in miniatura, dove avevano luogo intrattenimenti per il popolo, come lotte, combattimenti di animali, e cose del genere, ed avevano, infatti, una pianta circolare (come il Globe), come i circhi romani. E’ proprio in questo periodo, XVI secolo, che comincia a prendere piede il teatro come lo intendiamo oggi, un luogo di cultura, grazie, soprattutto, ad Elisabetta I, e al grande avanzamento culturale che caratterizzo’ il suo regno. La prima notizia che si ha del Boar’s Head risale al 1557, che lo renderebbe la piu’ antica playhouse esistente, quando al Lord Mayor fu ordinato di inviare le sue guardie ad interrompere una rappresentazione che stava avendo luogo qui, “A sack full of news”, perche’ considerata oscena. Nella conversione a playhouse, al Boar’s Head furono aggiunti un palco, e uno spazio che circondava il palco, e le ringhiere del piano superiore divennero gallerie (esattamente la struttura del Globe). Tra le commedie che si rappresentarono qui, abbiamo notizia di una in particolare, dal titolo “If you know not me, you know no bodie”, sulla vita e il regno di Elisabetta I.

Potrebbero interessarti anche...

error

Ti piacciono i nostri tours? Passaparola ;-)

Facebook403
Facebook